I testi contenuti in questo sito vanno considerati proprietà intellettuale dell'Autore. È vietata la riproduzione dei testi in qualsiasi forma se non espressamente autorizzata. Sono permesse citazioni o commenti, purché quanto riportato sia conforme all'originale e siano menzionate le fonti. ©

 


Psico . Bio . Fisica
Psico . Bio . Fisica

 

Qualunque scienza rispetto alla PsicoBioFisica è ben poca cosa.

Dal momento che la disciplina succitata relega la scienza ordinaria nelle pallide retrovie dell’oscurantismo medioevale, io insegno tale materia a chiunque voglia rischiarare il proprio cammino.

 

E’ ovvio che non sono solo in questo percorso in quanto moltissimi ricercatori NOTI e NON si sono ormai inoltrati in sentieri diversi da quelli calpestati dall’ordinarietà e dal compromesso.

 

In effetti io non insegno nulla, limitandomi a indirizzare i dubbiosi sulle chiare pagine della Teoria delle Apparenze dove tutto viene rischiarato dalla luce dell’evidenza e dove tutti i lavori di Nicola Tesla, Wilhelm Reich, Guglielmo Marconi, Pierluigi Ighina, Olinto De Pretto, Gianbattista Callegari, ed altri ancora, trovano giustificazione e validità.

 

Non ho bisogno che qualcuno mi dica cosa io possa o non possa fare o dire dal momento che tutte le cose di cui si parla sono testate, documentate e sperimentate sui severi banchi dell’Universo, tutto nero su bianco, con tanto di formule e teoremi che partoriscono i risultati della più rigorosa SPERIMENTAZIONE.

 

Io insegno su questa Terra col beneplacito dell’Universo e sinceramente non mi pare poco!

 

E comunque in "La Teoria delle Apparenze", coperta da copyright, tutto è ampiamente documentato, senza tema di smentita, in oltre 1000 pagine di disarmanti dimostrazioni.

 

Questa è la VERA SCUOLA, non quella che insignisce del titolo di Ingegnere, Fisico Quantistico, Matematico o quant'altro.

 

A me non risulta che esistano Scuole che possano sostenere, al contempo, l’enorme Peso e Leggerezza della PsicoBioFisica

Nel lontano 1982, dopo 5 anni di Ingegneria elettronica, 2 anni di Fisica quantistica, 1 anno di Terapia Reichiana, di Gestalt, e quasi 35 anni di ricerca esoterica e spirituale, mi dibattevo ancora negli angusti limiti della Relatività cercando una soluzione alle sue evidenti contraddizioni interne.

 

Avevo 27 anni e avevo da poco terminata la Terapia Reichiana. Avevo letto e approfondito tutti i libri di Reich e, condividendone in pieno i contenuti, ritenni che era giunto il momento di testarne la veridicità con umiltà e perseveranza. Ho avuto esperienze incredibili che della Terapia Orgonica ne hanno attestato, e al di là di ogni ragionevole dubbio, non solo la validità ma anche la strepitosa visione d'assieme. Mì capitò più volte di vedere chiaramente riprodotto intorno alla terra il modello atomico e definitivamente sedimentò nella mia consapevolezza l'aforisma di Ermete Trismegisto: "Come in alto così in basso". Si concretizzarono in me molte verità Yoghiche e, in quel periodo, un sorriso perenne si impadronì  del mio viso. Si rese evidente che Realtà parallele coesistono nell'eterno presente nell'attesa di essere rilevate e rivelate.

 

Mi chiedevo incessantemente se ci fosse o fosse stato un qualcuno che avesse dato corpo e validità scientifica a quelle fascie in movimento che  attorniavano la Terra. Ormai sapevo che Newton e Einstein avevano toppato di brutto.

 

Una mattina, preso da insolita frenesia, mi catapultai a Napoli in via Mezzocannone, densa di accorsate librerie, alla ricerca di una qualche risposta al mio incessante quesito.

 

Guidato da una mano invisibile, mi diressi verso una delle più accreditate librerie rinvenendo in una bacheca esterna, in bella mostra, il libro "Psicobiofisica - Scienza Unitaria del Creato". Acquistatolo, pur se di 600 pagine, più che leggerlo lo bevvi tutto nella stessa giornata.

 

Dissetato e pieno di gratitudine per quest'uomo, Marco Todeschini, decisi che dovevo assolutamente conoscere chi mi aveva liberato finalmente dai lacci dell'ignoranza. Cosi, senza alcun preavviso, mi fiondai a Bergamo bussando alla porta di questo luminare.

 

Mi aprì l'uscio, Antonella, l'esterefatta figlia di Todeschini che con fare austero mi chiese chi fossi delle molte persone che erano in attesa di parlare da mesi col padre.

 

Saputo che non ero nessuno dei candidati e che solo l'entusiasmo mi aveva condotto lì, mi disse di attendere, serrando gentilmente l'uscio.

 

Pensai d'averla fatta grossa, ma la mia buona fede fu premiata, in quanto poco dopo mi introdusse in un sonnacchioso studio in cui troneggiava una lunga e antica scrivania ricoperta quà e là di ordinati fascicoli e libri.

E dietro la scrivania, lui, lo scienziato Marco Todeschini che mi accolse gentilmente facendomi accomodare su una confortevole sedia-poltroncina.

 

Dal suo sguardo, penetrante, non arrogante, limpido e tranquillo, trasudava la consapevolezza dell'essere depositario di una grande verità e di un caratterino niente male.

 

Parlammo tantissimo quel giorno consumando le ore più belle della mia vita perché, in quello studio permeato di conoscenza, mi liberai per sempre dall'arsura dell'ignoranza.

 

Quando mi accomiatai, con la promessa che ci saremmo rivisti a breve, avevo con me il libro mastro della conoscenza scientifica, La Teoria delle Apparenze, 1000 pagine di rigorose dimostrazioni e 830 conclamate scoperte e moltissime altre nascoste tra le righe come per esempio la "Fusione fredda"..!!

Da quel giorno e fino al 13 Ottobre 1988, il giorno in cui ha abbandonato il corpo, per le strane e complesse vicissitudini della vita non ci siamo più rivisti fisicamente ma sempre sentiti telefonicamente e comunque legati da profonda stima e amicizia.

 

Investito, al tempo dell'incontro, del gradevole compito di diffondere e preservare nell'area Sud la Psicobiofisica dagli assalti dei faccendieri della scienza, ho sempre vigilato sui reiterati tentativi degli imbonitori scientifici di appropriarsi delle glorie altrui....e non sono pochi i casi in cui sono dovuto intervenire drasticamente...

 

Nel mondo, e in sordina, moltissime sono state le applicazioni derivate dalla Psicobiofisica, ma nessuno ne ha mai fatto menzione perché la cupola scientifica mafiosa ha fatto e fa quadrato intorno a concetti dirompenti per l'assetto mondiale.

 

Ed è dal 1947 che ciò accade.

 

Ma si sa, le verità come le bugie vengono sempre a galla.

 

Ed ormai i tempi sono maturi.

 

Marco Todeschini
Marco Todeschini

Senza dilungarmi in sproloqui voglio solo sottolineare che l'incommensurabile contributo della Psicobiofisica alla scienza e alla conoscenza è stato quello di aver definito e delineato la caratteristica essenziale dell'Etere o Plasma e cioè quella di avere una densità, misurabile sperimentalmente, 10²⁰ volte minore della densità dell'acqua. Il suo inestimabile pregio è dunque quello di aver restituito l'Universo alla Fluidodinamica e ai principi Galileani.

In qualità di amico di Marco Todeschini sono onorato di far parte di questo sito nato dall'instancabile e certosino lavoro di Fiorenzo Zampieri verso cui nutro una sincera amicizia.

Di Fiorenzo Zampieri anche un libro edito da Centro Studi Valle Imagna intitolato:

                               Marco Todeschini

                            Tra fisica e metafisica

        L'uomo che dedicò la vita alla Scienza Universale

 

Per reperirlo contattare il sito di cui sopra.

Altri siti in cui si parla di Todeschini e della PsicoBioFisica sono i sottoelencati:

 

http://www.duepassinelmistero.com

/Marco%20Todeschini.html

 

Ogni qualvolta, nell'esporre i concetti, si creeranno parallelismi con La Teoria delle Apparenze rimanderemo alle pagine interessate.

 

Da ciò si evince che procurarsi il succitato libro sarebbe atto meritorio per chi volesse approfondire particolari tematiche.

 

La "Teoria delle Apparenze" può a buon diritto essere definita "Corpo Unico del Sapere" non solo per la chiara impostazione matematica e d'assieme, ma anche perché è un magnifico trampolino di lancio per lo scandaglio di aree di esclusiva(?) pertinenza del "Paranormale".

 

In "Psicobiofisica-Scienza unitaria del creato", che è il testo divulgativo della "Teoria delle Apparenze", in maniera discorsiva si evidenzia come si può dare risposta scientifica ad argomentazioni ritenute prive di fondamento dalla scienza ufficiale, come per esempio l'Orgonomia di Wilhelm Reich.

 

Ma il "Sapere Costituito", con metodologie oblique e più che pronunciate, non ama essere estromesso dallo scenario mondiale né tantomeno esser messo alla gogna dall'abbagliante evidenza dei fatti.

 

Il mondo è pieno di applicazioni segrete ricavate dalle Teorie di cui sopra e dai lavori di Nicola Tesla, tutte celate e dannose per il Genere Umano in quanto votate al suo soggiogamento.

 

C'è anche da rilevare che le argomentazioni trattate nella Teoria delle Apparenze trovano chiaro e meticoloso riscontro anche nei Veda, corposo agglomerato di libri sapienziali divisi in quattro sezioni e scritti oltre 3500 anni fa, anche se recenti scoperte li farebbero risalire al X se non addirittura al XII secolo a.c.

 

In effetti sono molto più antichi in quanto preservati integri dalla Tradizione Orale sin dalla notte dei tempi.

 

La consistenza e la coerenza dei Veda, tramandati oralmente da tempo immemore e successivamente scritti in Vedico prima e Sanscrito poi (lingue sacre per eccellenza), sono di tale strabiliante profondità da richiedere per lo studio una mente rigorosamente stabilizzata ai livelli di minima eccitazione.

 

Questo schema dà una visione delle frequenze in gioco e delle loro pecuiiarità:


Nome - Frequenza -  Caratteristiche


Lambda : 200Hz
Consapevolezza di sé, elevati livelli di conoscenza e di informazione. I monaci tibetani che per giorni camminano
in mezzo alla neve hanno mostrato alti livelli di queste onde. Le onde Lambda sono difficili da misurare e si sa poco di loro. Sono ancora in una attenta fase di studio.

Hyper Gamma  : 100Hz
E' lo stato iper attivo della frequenza Delta e permette l'interazione della volontà individuale con l'etere. In questo stato è possibile compiere prodigi di ogni genere essendo totalmente immersi nella consapevolezza universale.

Gamma  : (38 - 90) Hz
Sono importanti per armonizzare e unificare i pensieri elaborati nelle diverse parti del cervello. Combina differenti percezioni. Essenziali per i processi complessi.
Si possono trovare in tutte le parti del cervello.

Beta (alta) : (18 - 38) Hz
Mente sveglia, vigile, concentrata, analisi e assimila le nuove informazioni rapidamente. Complessa elaborazione mentale, il picco di performance fisica e mentale.

Beta (fascia media) : (15 - 18) Hz
Amplifica un comportamento sveglio e vigile.

Beta (bassa) : (12 - 15) Hz
Conosciute anche come Sensory Motor Rhythm (SMR) - vigilanza, mobilità ridotta, respirazione superficiale, meno attivo, ha un effetto calmante.

Beta - Alpha : 12 Hz
Iper-efficienti nella trasformazione dei compiti, il cervello può concentrarsi sui dettagli e sul generale allo stesso tempo.

Alfa : (7.5 - 12) Hz
Stato mentale di coordinamento e di intraprendenza, relax, concentrazione mentale con assenza di volontà a trasformare, attivo e calmo, sentirsi a prorpio agio, la respirazione è profonda e gli occhi chiusi possono amplificare la produzione di onda alfa con picchi intorno a 10Hz.

Alpha - Theta : 7.48 Hz
Frequenza di Schumann. Stimola il recupero di memorie dal subconscio. Questa è la frequenza vibrazionale naturale della ionosfera nell' atmosfera terrestre ed è anche la frequenza utilizzata in PST per la rigenerazione delle cartilagini e l'eliminazione dei dolori articolari.

Theta : (4 - 7.5) Hz
Associata con l'accesso alla memoria, l'apprendimento, la meditazione profonda, sensazioni, emozioni, la soglia del subconscio, sogno.

 

Theta : (6.2 - 6.7) Hz
Facilità le attività cognitive, l'attenzione continua, livello di ansia molto basso

Theta : 4.5 Hz
Associata con molti stati di coscienza alterati. trance sciamanica, mantra e canti buddisti tibetani. Si utilizza questa frequenza per accedere a stati di trance.

Theta - Delta : 3.5 Hz
Permette l'accesso alla memoria per lungo termine.

Delta : (0.5 - 4) Hz
sonno profondo, rilascio dell'ormone della crescita, bassa pressione sanguigna, bassa respirazione, bassa temperatura corporea. Nessun movimento muscolare.

 

OM : 0.1 Hz

Frequenza di Risonanza Fondamentale o Campo di Tutte le Possibilità o Campo Eterico Pulsante e quindi in acronimo o FRF o CTP o CEP.

 

************************************************************************

 

☉ 

Frequenza di Testimonianza pari 

 

a: 0.00729927 Hz.

 

In questo stato di perfetta coerenza vibratoria non è possibile intervenire sulla Frequenza di Risonanza Fondamentale per cui non è attuabile nessuna CREAZIONE ma solo PROGETTAZIONE.

 

Quando tutto l'Inconscio diviene Conscio allora Materia e Spirito vibrano all'unisono insieme alla Mente Universale a 0.00729927 Hz che come ben si vede è un ambigramma in decimale e che corrisponde a 1/137 (costante di struttura fine).

 

Una interessante visione della costante di struttura fine si trova a questo indirizzo:

 

http://www.nuovaricerca.org/index.htm

 

 

 

Ma la chicca è che nel modulo 90 (di cui parleremo diffusamente nella sezione Matematica Binaria) 1/137 = 23.

 

23 è il numero sacro della massoneria deviata che queste cose, purtroppo, le conosce molto bene.

 

************************************************************************

 

I Veda, emanazione del Silenzio, sono resi inintellegibili dal brusio della Mente che interferisce in modo drastico col processo esperienziale e assimilativo.

 

Capisco che questo è un concetto ostico per chi non conosce le tecniche di meditazione (profondamente diversa da contemplazione o concentrazione), ma una attenta ricerca in Internet nonché personale potrebbe agevolarne la comprensione di base.

 

Questo è il primo passo per cominciare a sbirciare nei meandri dell'Esoterismo