I testi contenuti in questo sito vanno considerati proprietà intellettuale dell'Autore. È vietata la riproduzione dei testi in qualsiasi forma se non espressamente autorizzata. Sono permesse citazioni o commenti, purché quanto riportato sia conforme all'originale e siano menzionate le fonti. ©

 

Numeri e suono
Numeri e suono

 

Ho ingrandito al massimo questa immagine per rendere agevole la lettura dei numeri. Chiunque sappia di musica conosce bene la storia di Mersenne e del suo genio.

 

Come ben vedete i numeri con cui inizia il tutto sono 45, 90, 180 in perfetta armonia con quanto esposto finora.

Pensateci un pò su !

 

I più volenterosi potranno fare nel frattempo una seria ricerca su Mersenne e sulle scale armoniche in modo da rendere funzionale il monocordo.

 

E' necessario far vedere innanzitutto che il modulo 90, di cui si è fatta menzione nelle sezioni precedenti, gode di proprietà veramente eccezionali.

 

La prima e più importante di tutte è che nel modulo 90 NON ESISTONO NUMERI PRIMI !!

 

Ciò vuol dire che nel modulo 90 ci sono criteri molto particolari di divisibilità dei numeri.


In altre parole anche i Numeri Primi hanno nel modulo 90  divisori diversi dall'unità e da se stessi.

 

Analizzeremo una particolare serie aritmetica di ragione x da cui scaturiranno concetti e numeri di assoluta matrice esoterica.

 

Allora, quanto vale la ragione x della serie?

 

0 00 000 sono le basi primordiali della sezione 5.

 

Il loro completamento vale 1 11 111 per cui l'intervallo (1,111) ha una distanza che vale 110 cioè 6.

Il calcolo lo sviscero in decimale per rendere più intellegibile il tutto rinunciando quindi alla Forma e alla Vibrazione e ponendo l'attenzione solamente sul Contenuto (il decimale).

 

In parole povere consideriamo i primi 4 termini di questa serie aritmetica di ragione 6:

 

1  7  13  19.

 

Facciamo subito notare che la loro somma vale 40 il cui valore esoterico è stato delineato nella Sez.9.


Questi numeri danno l'accesso alla numerologia esoterica riscontrabile in tutte le tradizioni di ogni tempo e luogo. Ma su questo non indagheremo per il momento in quanto argomento di successive (probabili) sezioni.

 

Per adesso consideriamo solo i primi tre membri 1,7,13.


1 + 7 + 13 = 21

 

1 x 7 x 13 = 91.

 

Quindi se mi interessa il modulo 90 e dunque tutti i numeri naturali che vanno da 1 a 90, il numero 91 testè ricavato mi permette di definire il 90 come 91 - 1.

 

Poiché il 91 è dunque l'unità modulare del modulo 90, posso affermare che nel modulo 90 qualunque numero y moltiplicato per l'unità modulare 91 rimane identico MODULARMENTE !

 

Cioè: Y x 91 = Y x 7 x 13 !!

 

Questo ci dice che qualunque numero Y nel modulo 90 può sempre essere diviso o per 7 o per 13 dando sempre come risultato un NUMERO INTERO.

 

Dove ci porterà tutto ciò?

 

Per il momento non riuscireste nemmeno a immaginarlo!

 

Per fare un esempio supponiamo che io consideri la divisione del numero 137.


Essendo 137 un numero primo esso risulterebbe essere divisibile solo per 1 e per se stesso.

 

Nel modulo 90 invece 137 x 91 resta "invariato" nella sua veste modulare e quindi:

 

137 x 91 = 12467 e, ridotto col modulo 90, da ancora 137.

 

Quindi 137 x 7 x 13 potrà sempre essere diviso o per 7 o per 13.

 

137 x 7 x 13  :     7   = 137   x   13   =   1781        e

137 x 7 x 13  :   13   = 137   x     7   =   959

 

Ora 1781 - 959 = 822 la cui FORMA BINARIA basale minima è :

1000 10 10 → 10001010 = 138 (femmina) !!.

 

La divisione modulo 90 è alla BASE della FECONDAZIONE del MONOLITO 137 che viene trasformato in 138.

 

Si può dimostrare anche che tutti i numeri hanno criteri di divisibilità occulti dando come risultato sempre e solo Numeri Interi. Questo porta a complesse deduzioni e dimostrazioni che non possono essere sviscerate nel presente contesto, almeno non ora. Queste divisioni sono di soluzione ai molti problemi di armonia numerica sequenziale a passo variabile.

 

1 x 7 x 11 x 13 = 1001 che in binario corrisponde a 9.

 

E abbiamo visto nelle sezioni precedenti che 1001 è legato al Trinitario aspetto divino.

 

Queste identità formali tra il decimale e il binario portano al dispiegarsi di nuovi armonici concetti.

 

Possiamo solo anticipare che la divisione per 11 IMPONE ai numeri l'ovvia impossibilità di uscire dalla propria classe di appartenenza.

 

Questo evidenzia e comprova con facili analogie l'infondatezza di tutta la teoria di Darwin peraltro già ammessa dallo stesso autore a pag. 140 (?) del suo stesso libro.

 

Il passaggio da una specie ad un'altra avviene per SALTI e precisamente nel momento in cui l'ELEMENTO all'interno della sua classe di appartenenza perviene alla MASSIMA EVOLUZIONE fissata dai CODICI BINARI.

 

Della divisione  per 11, e delle sue faste e nefaste quanto necessarie ingerenze con l'evoluzione, il destino e il futuro, ne parlerò solo con coloro che della ricerca a 360° ne avranno fatta una documentabile ragion d'essere. 

 

Quindi nel modulo 90 posso effettuare la divisione di qualsiasi numero per 7 o 13 producendo sempre e solo NUMERI INTERI.


La divisione per 2 la si ottiene rendendo pari i numeri dispari con l'aggiunta del modulo 45 e riconvertendo adeguatamente i risultati.

 

La divisione perrichiede algoritmi particolari non di immediata realizzazione pur producendo sempre numeri interi.

 

La divisione per 5 non ammette nessun algoritmo se non una riconversione frazionata con una diversa unità di misura del campo operativo del divino. 

Delle serie 1  5  9 13 17 21 .....e  1  6  11  16 21..... ne riparleremo nella Sez.20  per i loro segreti legami col numero 101 sia binario che decimale e dove riveleremo gli altri 25 criteri di divisibilità di qualsiasi numero.

 

E approfittiamo del contesto "segreto" della sezione per svelarne  uno che riguarda la Tetraktis Pitagorica.

 

La sua veste grafica, differente da quella in auge attualmente, ERA ed E' utilizzata come Sigillo del 7° LIVELLO dell'Iniziazione Pitagorica su cui ancora oggi si presta giuramento.

 

La sua effigie è la seguente:

 


La vera Tetraktis
La vera Tetraktis
La vera Tetraktis
La vera Tetraktis

 

Come si vede invece dei soliti puntini vengono usate le stanghette, che ben conosciamo, disposte in simmetria e lungo i lati di un Triangolo Equilatero!

 

Dopo il diametro la successiva figura perfettamente simmetrica e inscrivibile in un cerchio è il Triangolo Equilatero.

 

Per gli Antichi era la rappresentazione figurata della Trinità o della Trimurti e ineriva le caratteristiche essenziali del famoso processo socratico:


"Conosci Te Stesso ".

 

In questo procedimento si attivano le tre Essenzialità di cui abbiamo discusso nelle sezioni precedenti e cioè:

 

Conosciuto, Processo della Conoscenza, Conoscitore.

 

Quindi la Tetraktis così concepita nasconde codici precisi che rimandano a concetti esoterici di estremo valore simbolico, figurativo, conoscitivo e descrittivo.

 

Pitagora conosceva benissimo la Matematica Binaria e la raffigurazione della vera Tetraktis non solo lo attesta ma decodifica la struttura numerica associata al nome di Dio fin dalla notte dei tempi.

 

Senza addentrarci nei Veda e rimanendo nell'ambito della Kabbalah, sappiamo che al nome breve di Dio viene associato il numero 26.


Ciò deriva dal fatto che ad ogni lettera ebraica si abbinano valori numerici la cui somma vale appunto 26.

 

Ora daremo la dimostrazione, senza scendere nei dettagli, che la Matematica Binaria genera con precise modalità costruttive la struttura numerica di ogni successiva alfabetizzazione.

 

Consideriamo la Tetraktis e rappresentiamola in veste letteraria associando agli elementi di cui è composta i relativi valori decimali e cioè:


I        =      1

II       =      3

III      =      7

IIII     =    15           

             ____

               26

 

La somma vale 26 !

 

L'inganno è stato il sostituire I con . !!

 

Quindi è la chiave binaria-decimale a generare il numero associato al nome di Dio. Non un alfabeto  costruito a posteriori !!

 

E poiché i vertici di simmetria del triangolo equilatero sono 3, il numero 26 va moltiplicato per 3.

 

Quindi la Totalità Numerica associata alla Trinità risulta essere  3 x 26 = 78!

 

L'intera cosmogonia divina primordiale è associata al numero 78 !


Ed è per questo che la simbologia codificata associata al divenire enuclea le 78 lamine dei Tarocchi alias Il Vangelo segreto di Maria Maddalena!! Ed esiste un solo mazzo dei Tarocchi Originali datato 100 dc risultante contemporaneo del Nazareno, alias Giovanni Battista, in quanto morto a 120 anni in Kashmir. Quindi di tutti gli altri mazzi di tarocchi generati dall'ignoranza umana potete farne un bellissimo falò in quanto non valgono una benamata mazza pur generando un largo ventaglio di metodi divinatori.

 

In modo formale 78 lo possiamo scrivere 111 1000. 

Ora 1111000 = 120; 120 x 3 = 360 e anche 120 : 3 = 40 !

 

Ricordiamoci questi  2 numeri chiave : 360 e 40

 

Effettivamente il numero 78 riguarda la totalità della Forma e del Divenire.

 

Se correttamente rappresentate le lamine dei Tarocchi svelano il Divenire nei minimi particolari.


Ciò è rinvenibile, come preannunciato, solamente negli UNICI MAZZI di Tarocchi VALIDI al MONDO:


Quelli di Philippe CAMOIN e Carlo BOZZELLI.

 

I simboli perduti sono stati riportati al loro primitivo splendore e oculatamente ricollocati nelle armoniche e colorate spazialità originarie.

 

Per maggiori dettagli e informazioni andare ai siti:

Con opportune metodologie sarà possibile ripercorrere a ritroso il lungo cammino di decodifica necessario al corretto inquadramento di una simbologia arcaica volutamente manipolata per irretire e depistare il cercatore.

 

Tutto ciò sarà investigato nei giusti tempi e modi per fare una precisa discriminazione tra l'Essenziale e il superfluo.

 

E' difficile disperdere la nebulosità che avvolge l'Inconfutabile se non si dispone di semplici, chiari, limpidi e incontrovertibili presupposti.

 

Così come il corpo è un insieme olistico o gestaltico così pure lo è l'Universo o l'Infinito e viceversa.

 

Stiamo per addentrarci nel dispiegamento dell'Essenzialità che necessita di padronanza su tutto quanto esposto finora.

 

Il Suono, Il Colore, La Parola stanno per insediarsi sui severi banchi dell'Universo.

 

E prima di fare ciò, dobbiamo doverosamente svelare un altro dei segreti della Tetraktis:


Tetraktis Primordiale
Tetraktis Primordiale

 

La vera effigie della Tetraktis Universale è esattamente quella su esposta e da essa si evincono concetti molto interessanti e di assoluta matrice esoterica.

Finora abbiamo descritto la Tetraktis "dispari", ma ovviamente c'è anche una Tetraktis "pari".

Quadrato Magico 6 x 6
Quadrato Magico 6 x 6

Questa matrice tratta da una pagina di Esonet.org usata per spiegare la legge dell'ottava ci servirà per decifrare molte altre cose in una sezione prossima dedicata esclusivamente alla Tetraktis.

Della "PARI" è possibile contemplarne la struttura nella Tetraktis Primordiale rilevando caratteristiche ben diverse da quelle normalmente in auge presso i filoni esoterici ortodossi.

 

Se 4 = 10, la Tetraktis dispari da 1, 3, 7.

Quindi manca il 5 cioè 101.

 

La Tetraktis pari, alla luce del principio della Circolarità e dell'equazione 4 = 10, da' solo 2 e 6.

 

Quindi mancano 4 e 8, cioè 100 e 1000.

 

Quindi le porte nascoste sono 100 101 1000 cioè:

4, 5, 8.


Ora 4 + 5 + 8 = 17  

       4 x 5 x 8 = 160.

 

160 in binario vale 10100000 (Contenuto).

 

Se ad esso togliamo la Forma rimane la Vibrazione.

 

La Forma in base massima vale 1 110 000 = 112

 

Si dice che la totalità dei sentieri (Zen) che riportano a Dio siano 112, e infatti tanti sono.

 

Se a 160 togliamo 112 ciò che resta come Vibrazione vale 48.!!

 

E 48 sono le leggi che governano a livello sottile il nostro sistema planetario.

 

4, 5, 8 sono 100, 101, 1000 che scritti in forma spaziale valgono 1001011000 = 600.

 

25920 : 600 = 43.2 che moltiplicata per 10 da 432, cioè la frequenza armonica fondamentale.

 

Anticipiamo questo concetto....Quando col 1010 binario inizia la CADUTA, il 43.2 diventa 432.

 

Ciò non vuol dire che si è effettuata una moltiplicazione per 10, ma che il 2 ( Dualità Trascendentale Invisibile ) si è INCARNATO nella DUALITA' MATERIALE concretizzando una REALE SEPARAZIONE.

 

La Tetraktis Pari, nel suo sviluppo completo da:

0I0    =   2

0II0   =   6

0III0  = 14

0IIII0 = 30

          ____

            52

 

Quindi Tetraktis Dispari + Tetraktis Pari = 26 +52 = 78. !!

 

Quindi Tetraktis Dispari + Tetraktis Pari obbediscono

all'equazione pitagorica  12 = 78 e cioè Vs (12) = 78

 

Ecco da dove scaturisce il numero 12 (Vedi sez.9) così importante par la Cosmogonia Universale.

          

Approfondiremo molto la questione nelle molteplici pagine e sezioni future.

 

Cerchiamo di chiarire un pò i concetti suesposti.

 

Se io scrivo 01 e lo leggo nel senso ( ⇒ ) ottengo 01.

ma se scrivo 01 e lo leggo nel senso ( ⇐ ) ottengo 10.

 

01 diventa 10 cioè 1 diventa 2 e quindi una Caduta che in forma binaria vale 01 10 = 6 (Imperfezione)

 

Il Ritorno sarà invece 10 01 che condensato in forma binaria vale 1001 = 9 (Perfezione)

 

Come si è constatato nelle sezioni precedenti nell'Universo vige il Principio della Circolarità (sez.8) che in termini lineari o SCALARI si identifica col principio di andata-ritorno.

 

Quindi 6 (Imperfezione) + 9 (Perfezione) = 15 (Prova o Ostacolo o Karma o Destino).

 

Il numero 15 dunque si identifica con i contrattempi, gli impedimenti, le controversie della vita.

Non a caso il 15 è il numero che intercetta il Diavolo nei Tarocchi.

 

Infatti a conferma di quanto detto subito dopo il Diavolo c'è la lamina XVI, la Casa di Dio (non la Torre Spezzata). 

 

Il concetto suesposto acquista, come vedremo, un valore cardine nella soluzione di affermazioni afflitte da dogmatismo.

 

Possiamo dunque affermare che gli accessi "nascosti" sono per la Tetraktis dispari 101 e per la Tetraktis pari 100 e 1000.

 

Scenderemo nei dettagli in altra sezione ma qualcosa la possiamo anticipare e cioè:


la somma delle 3 porte occulte della Tetraktis danno somma 17 che in binario si scrive 10001.

 

Diciamo che (ci ritorneremo) il 17 scritto 10 0 01, alla luce delle simmetrie binarie (lo vedremo), oscura la visione del mondo e l'armonia che lo sottende.


E' solo per questo che da tempo immemore il 17 viene identificato con la "Disgrazia".

 

Ma c'è da dire che esso, essendo un ambigramma, associa alla "Disgrazia" anche il suo opposto: la "Fortuna".

 

Se lo "specchio" viene attivato si accende la luce della Consapevolezza o Coscienza e 10 0 01 si trasforma in      10 1 01 = 21, la "Perfezione". !!

 

Quindi 10001 + 100 = 10101 e dunque dalla Disgrazia alla Perfezione si passa attraverso 100, la prima delle porte occulte della Tetraktis.

 

Abbiamo anche visto che 101 è legato al modulo maschile.

 

Quindi l'Uomo ha accesso alla perfezione tramite due porte PARI: la 100 e la 1000.

 

Il ritorno a "casa" di 101 prevede il passaggio nelle porte 100 e 1000. Da qui tutto l'esoterismo occulto.


Ci ritorneremo su con dovizia di particolari, mostrando le differenze nell'usare la porta 100 o la 1000 e le sostanziali differenze che sottendono il tutto.

 

 

Nella sez.5 abbiamo anche visto che il numero abbinato allo Stampo Umano è il numero 27.

 

Una delle prossime sezioni riguarderà l'Uomo, il LA fondamentale, nonché, il colore annesso.

 

Spulceremo queste cose in modo approfondito e tanto per anticipare i futuri argomenti già abbiamo evidenziato che la fondamentale 27, per raddoppio progressivo, genera la seguente successione:

 

27  54  108  216  432.

 

Come si vede, il 432 troneggia in "quinta" posizione.

 

Quidi lo Stampo Umano è intimamente congiunto con la fondamentale 432, connessa al suono.

 

E 432 : 27 = 16.

 

16 Hz è la minima frequenza percepibile dall'orecchio umano.

 

In più, 25920 : 432 = 60, ritrovando il valore legato al dispiegarsi della Tetraktis Primordiale sul Piano Cosmico.

 

Ho ribadito questo concetto perché è di estrema importanza per gli sviluppi futuri.

 

Analizziamo per un momento lo Stampo Umano.

 

Abbiamo visto che vale 27. Ora a 27 (Contenuto) sottraiamo la forma.


La Forma è 010 111 e cioè 10111 = 23 (Mente)


Nelle sezioni precedenti abbiamo anche enucleato che la Forma rappresenta l'Inganno.

 

Quindi la forma primordiale dell'Inganno vale 23 e corrisponde alla Mente.

 

Ed è per questo che nella smorfia napoletana il 23 rappresenta lo "scemo", ovvero il microcefalo abbagliato dalla vacuità della Forma.

 

Ora 27 - 23 = 4 cioè 100.

 

Quindi ritroviamo il valore della Prima Porta Nascosta della Tetraktis Primordiale e che binariamente vale 100.

 

La famosa "Caduta" ha a che fare con tutto ciò.

Ma ci torneremo in altra sezione.


Adesso bisogna chetarsi un pò per poter assimilare il turbinio di concetti e far sedimentare la comprensione di base di tutto quanto finora esposto e che in ultima analisi riguarda lo sviluppo della sequenza da 0 00 000 a 1 11 111 e cioè, in FORMA, da 0 a 137, il famoso numero quantico della Sez.11.

 

Siamo unità vibrazionali per il 75/80 % formati d'acqua e dovremmo avere infinito rispetto per questa Entità Viva, Vibrante, Indispensabile e intimamente connessa con la frequenza 432 e con l'Omeopatia.

 

Tutto ciò è stato ormai scientificamente provato al di là di ogni ragionevole dubbio, per cui una attenta ricerca  e una seria riflessione di sicuro promuoverebbero risonanze armoniche al nostro interno.

 

Questo filmato potrebbe innescare qualche piacevole e armonico processo:

 

 

Armonia e Disarmonia
Armonia e Disarmonia