I testi contenuti in questo sito vanno considerati proprietà intellettuale dell'Autore. È vietata la riproduzione dei testi in qualsiasi forma se non espressamente autorizzata. Sono permesse citazioni o commenti, purché quanto riportato sia conforme all'originale e siano menzionate le fonti. ©

 

 

Questa è la formula che abbiamo già incontrato nella        Sez. 6.

 

Utilizziamola.

 

Per n = 5 il risultato è = 8. Per n = 8 il risultato è = 1120.

 

Quindi è possibile creare un "legame divino" tra 5 e 8.

 

In matematica binaria, espressione basilare dell'Universo, se volessimo rappresentare spazialmente 10 dovremmo scrivere 10 x 10 x 10 = 1000.

 

10, dopo 01, è la minima informazione duale ascrivibile al sistema binario e vale 8 se riversata tridimensionalmente nel sistema decimale.

 

La più piccola informazione tridimensionale dopo 10 è 11; quindi 11 x 11 x 11 costruirà 11011 = 27 che come abbiamo visto precedentemente è legato allo Stampo Umano.

 

Ora nel passare dalla matematica binaria a quella decimale, e considerando l'intervallo basilare (0001...1001) in base 4, bisogna tener conto delle identità formali tra i due sistemi nell'intervallo sopraddetto (vedremo in seguito il perché di questo intervallo).

 

In altre parole a parità di Forma abbiamo diversità di Contenuto.

 

Per quanto detto nelle sezioni precedenti la base 4 è la prima e sola possibile da prendere in considerazione per l'assetto tridimensionale per cui, tenendo conto che 10 è la minima informazione disponibile, abbiamo le seguenti relazioni: 

 

1000 = 8 in binario e 1000 = 1000 (mille) in decimale.

 

Quindi adesso consideriamo la seguente tabella:

 

In decimale:

1     10     100     1000 la cui somma vale 1111.

 

In binario:

1     10     100     1000 la cui somma vale 1111 (15).

 

Formalmente identici ma quantitativamente e "qualitativamente" diversi.

 

  • Ora se volessimo conoscere il parametro nascosto che unisce i due sistemi alla luce della più piccola rappresentazione spaziale binaria, identificata da          10³ = 1000 (8), non dobbiamo far altro che operare come segue:

 

1111 - 1111 (15) = 1096 (Vibrazione)

 

  • Se 1096 lo dividiamo per la più piccola particella binaria primordiale e tridimesionale (1000), cioè 8, si ha che :

 

  •                            1096 / 8 = 137

 

 
 
Ed ecco che il "misterioso numero quantico 137 ", incubo cinquantennale delle più "blasonate" menti quantistiche, rivela la sua primordiale e inequivocabile funzione.
 
E' il MONOLITO che presenzia a tutte le trasformazioni intercorrenti tra le basi (1, 2, 3) e la base 4, alba della vibrazione cosmica primordiale.
 
Si chiariscono così tutti i concetti della "fisica quantistica" al riguardo, evidenziando l'onnipresenza del numero 137 nel processo del divenire 0 ↔ 1, Nulla-Luce-Materia ↔ Materia-Luce-Nulla precisando che la Materia = Etere e che il Nulla = Coscienza del Testimone.
La densità dell'Etere può ovviamente essere misurata  con gli opportuni strumenti mentre il Nulla rientra solo nel campo della Consapevolezza o Testimonianza del SE la cui autoreferenza vibra alla frequenza di 0.00729927 Hz.
 

Analizziamo più da vicino il risultato delle combinazioni della coppia (0 , 1) in base 1, 2, 3.

 

Non dimentichiamo mai che queste sono le operazioni primordiali dell'Intelligenza Creativa, in acronimo IC.

 

Facciamo subito notare che se scriviamo formalmente il numero 137 in binario abbiamo 1 11 111 cioè 111111 che vale 63 in forma.

 

C'è un segreto e indissolubile legame tra il 137 e il 63 (64) e cioè tra il contenuto e la forma e quindi, per quanto visto in precedenza, un legame tra 27, 64, 137.

 

Se consideriamo anche lo 0 avremo in tutto 64 elementi.

 

Il numero 64 è legato al DNA e alla combinazione dei 4 nucleotidi a pacchetti di 3 (codoni): la citosina, l'uracile, l'adenina, la guanina.

 

Ora se al Contenuto togliamo la Forma e quindi a 137 togliamo 64 abbiamo come risultato 73, che è la Vibrazione.

 

Il numero 73 è un numero MOLTO particolare in quanto è un AMBIGRAMMA.

 

Infatti scritto in binario vale 1001001 e in base 7, e solo in essa, resta invariato in entrambi i sensi di lettura. Quando lo analizzeremo alla luce delle simmetrie binarie ci dirà un sacco di cose.

 

Anticipiamo solo quanto rilevato anche da Sheldon Cooper dell'Istituto di Tecnologia di Pasadena e cioè che tale numero nasconde infatti interessanti proprietà:

 

Invertendo 73 si ottiene 37 che è il 12° numero primo.

 

Inoltre 137 è il 33° numero primo. !

 

Il 12°  =   37

Il 21°  =   73

Il 33°  =   137

 

Inoltre la somma posizionale di questi numeri primi dà 66.

 

IL 66° numero primo è il 317. Quindi ancora un 137 in movimento con la rotazione delle sue due prime cifre: da 13 a 31.

 

Questa sequenza nasconde molti segreti e in più da l'accesso (a dire il vero in maniera molto velata) alla formula "segreta" del Prof. Renato De Luca per CALCOLARE QUALSIASI NUMERO PRIMO.

 

Ho messo "segreta" tra apici perché la formula è reperibile in molte biblioteche italiane.

 

Alla SCOPERTA non è mai stata data la giusta risonanza perché affonda le sue radici, oltre che nella Matematica Binaria, nella "Teoria delle Apparenze" del luminare Marco Todeschini

 

Inoltre 21 = 7 * 3, dove 73 sono ancora le cifre che in binario generano l'ambigramma di cui sopra..

 

E aggiungiamo che 7 + 3 = 10.

 

La somma 10 e il prodotto 21 sommati danno 31 che, in binario, vale 11111.

 

Quella che viene intercettata è la base 5 del sistema binario e che analizzeremo approfonditamente in altra apposita sezione per i suoi segreti legami con il nostro pianeta.

 

Cooper si è fermato a quelle poche nozioni di cui sopra perché non sa che il 73 è la Vibrazione sottile che lega il 137 al codice genetico rappresentato dal 64. 

 

Se sommiamo il 12° e il 21° numero primo abbiamo che 37 + 73 = 110.

 

Ora 110 + 27 = 137.

 

Il 27, lo Stampo Primordiale di cui abbiamo discusso nelle altre sezioni è legato ai numeri primi di cui sopra e al numero quantico 137.

 

Studiate su questo e "scoprirete" molte cose di cui parleremo molto più avanti nel cammino.

 

Anche se superfluo sottolineiamo che tutto ciò che precede il 137 appartiene al Seme Primordiale.

 

In pratica il mondo delle Idee (del Testimone).

 

Durante il tragitto ne sveleremo altre a cui il Cooper, per informazioni scientifiche viziate all'origine, non sarebbe mai pervenuto.

 

 

Queste argomentazioni sul numero quantico 137 sono una scomodissima verità, perché tacciano di dabbenaggine, pressappochismo, ottusità, miopia e opportunismo una cupola scientifica mafiosa che ha dilapidato per la "ricerca" negli ultimi cinquantanni risorse economiche tali da poter alleviare la fame nel mondo, e non solo, in modo più che fattivo.
 
E' ovvio che se si indaga sull'origine della materia adottando il sistema decimale, di per sé fuorviante, man mano che ci si avvicina all'essenza delle cose radicate nel sistema binario, si fa sempre più pressante la richiesta di compiere un "salto eterico decimale-binario" il cui "ponte-vessillo" è rappresentato dal numero 137 che nella veste 1/137 è conosciuto anche come Costante di Struttura Fine.
 
E così abbiamo anche dato per gli amanti della Kabbalah un chiarimento logico-matematico sul numero 137 non afflitto da dogmatismo.
 
Sui siti sottoelencati ci sono delucidazioni importanti sul numero 137
 
rja
 
 
 
 
 
 
Abbiamo anche resa una diversa e più semplice dimostrazione della veridicità delle argomentazioni e dimostrazioni di Plichta sul "castello di carta" della Fisica.
 
Ma c'è molto altro ancora da dire.
 
E' superfluo sottolineare che se 137 ➞ 0 00 000 è il viatico nascosto per ritornare all'Origine  è anche ovvio che           0 00 000 ➞ 137 rappresenta un allontanamento o Caduta.
 
Il rapporto 1/137 vale 0,00729927 ....dove la  componente decimale risulta essere  un AMBIGRAMMA IN DECIMALE qualora la stringhetta 00729927 la incastriamo sullo 00 iniziale della successiva: 0072992700 . Quindi una RIPETIZIONE sullo 00 (primo fattore genetico). XX XY. Vi ricorda qualcosa? Questo pacchetto si riproduce all'infinito.
 
 
Non è questo il contesto, ma in apposita sezione indagheremo su cosa veramente vogliano dire quelle cifre, come "alimentino" la Costante di Struttura Fine e sul perché il pacchetto sia adimensionale e abbia in decimale e non in binario le caratteristiche di un ambigramma.
 
 
Diciamo soltanto per adesso che se 729927 lo scomponiamo in fattori abbiamo che :
 
729927 = 9 x 11 x 73 x 101.
 
728827 = (9 x 73) (11 x 101) = 657 x 1111
 
Ora in 9 x 11 x 73 x 101 gli unici numeri ad essere  ambigrammi in binario ma non in decimale sono 9 e 73 in quanto 11 e 101 lo sono in entrambi.
 
9 x 73 = 657 =  1010010001 che in ottale vale 1221 (ambigramma)
Se adottiamo la gematria estesa secondo Fabre d'Olivet la frase "Adamo ed Eva" vale 137.!
 
Ora 101 x 11 o che siano decimali o che siano binari danno come risultato 1111.
 
Quindi in FORMA MISTA OTTALE 1/137 = 0,00 (1221 x 1111) 00 (1221 x 1111) 00 (1221 x 1111) ......
 
Come noterete emerge il 1221 (ambigramma in decimale) che in chiave anglosassone intercetta il mese (12) e il giorno (21), e la chiave 1111, simbolo della caduta nonché marchio della caducità delle cose umane.
  
Ora 2012 - 1111 = 901 !!
 
Quindi 1221 e 1111 permettono di risalire al numero 2012 che cade sotto l'egida del modulo 901, cioè 91, e il misterioso 137.
Da tener presente che il prodotto 1221 x 1111 = 1356531 in simmetria speculare lo possiamo scrivere 135 6 531.
Quindi il 6 (esagono in geometria piana) permette il passaggio da 135 a 531 e viceversa e  dove 135 è la sequenza chiave dei colori citata nella sez.10
In forma figurata il 6 e quindi l'esagono permettono lo scambio di legame tra le due sequenze di cui sopra riallacciandosi così alla metodologia della chimica per descrivere i legami tra i vari componenti.
Ne riparleremo nella sez.20 anticipando che i signori chimici di queste connessioni "celate" non ne sanno, prosaicamente parlando, una beneamata mazza.
In più queste relazioni portano anche a rilevare e rivelare un altro importante connubio e cioè:
Nell'esagono ogni angolo vale 60° per cui 25920 / 60 = 432   che guarda caso è la frequenza del LA fondamentale.
Ora  135 ⇨ 432 e 531 ⇨ 234 (vedi sez.10  e  sez.13) e quindi
432 + 234 = 666. Non vi     dirò  altro se non nella sez.20  ma è di sicuro un indizio per decriptare il  vero significato  della "bestia" .
     
Quanto immediatamente detto crea un'intima relazione tra Grado e Frequenza per cui qualsiasi oscillazione del grado, anche miliardesimale, genera una corrispondente variazione di frequenza.
Quindi, nelle formule sintetiche della chimica, basta un miliardesimo di grado, ad esempio, per generare una molecola disarmonica. Adesso fate 2 + 2.
 
 
Lo spunto per la ricerca sul MAYA BINARIO l'ho dato...
9 + 2⁷ = 137  che in FORMA binaria vale 1001 + 10¹¹¹ che riconvertita in decimale dà ....? 🤔🤔🤔 .
Quindi in FORMA 137 = 1¹¹¹. 🙄🙄🙄
 
E adesso, prima di procedere, è necessario rinverdire e padroneggiare i concetti esposti nella Sez.6.