I testi contenuti in questo sito vanno considerati proprietà intellettuale dell'Autore. È vietata la riproduzione dei testi in qualsiasi forma se non espressamente autorizzata. Sono permesse citazioni o commenti, purché quanto riportato sia conforme all'originale e siano menzionate le fonti. ©

LA DOPPIA VISIONE
LA DOPPIA VISIONE

                               SIMMETRIE BINARIE

 

Tra le varie simmetrie riscontrabili, particolari sono quelle dell'intervallo (00,99) e che, in base 2, risultano essere simmetriche sia in decimale che in binario.

 

Esse sono solo due e precisamente 33 e 99.

 

33 = 100001

99 = 1100011

 

99 + 33 = 132 = 10000100

 

132 : 2  =   66 = 1000010

 

E quindi 66 risulta essere simmetrico, in binario e in decimale, solo in base 8 dove la sua veste verrebbe mutata in 01000010.

 

Quindi il 66 "aggiustato" è legato alla base 8 cioè 00000000.

 

Il 132 invece deve cadere in base 10 per rendersi simmetrico e diventare 0010000100, quindi un ambigramma.

 

Ora svilupperemo completamente le basi per riflettere su alcune cose essenziali.

 

Il primo indizio su cui riflettere è che il 66, la cui vera veste è 1000010, deve NECESSARIAMENTE ABBANDONARE la base 7 e DISCENDERE nella 8 PER RISULTARE SIMMETRICO ANCHE IN DECIMALE.

 

Perché questo accada deve INEVITABILMENTE "CADERE NELLA BASE 8".

 

Il 33 e il 99 invece sono STATICI ed EQUILIBRATI in quanto una loro Caduta li renderebbe ASIMMETRICI.

 

Dal momento che siamo pervenuti al numero 66 sarà opportuno analizzare le forme discensionali del 6 :

 

     = 1+2+3 = Vs(3)

 

66   = 1+2+3+4+5+6+7+8+9+10+11 = Vs(11)

 

666 =1+2+3+4+5+6+7+8+9+10+11+12+13+14+15+16+

         17+18+19+20+21+22+23+24+25+26+27+28+29+

         30+31+32+33+34+35+36 = Vs(36).

 

Tutti sanno che sul 666, il numero della Bestia, sono stati scritti volumi.

 

Non so se quello che sto per dire sia già stato scritto da qualche parte, ma vale la pena comunque divulgare quanto segue, tralasciando per adesso i suoi legami col Carbonio C-12 e C-7:

 

6 x 6 x 6 = 216

 

6 + 6 + 6 = 18

 

216 + 18 = 234

 

234 come ben si nota è la Prima Sequenza Ternaria decimale mancante dell'UNO e rimanda ai concetti sviluppati nelle sez.10.

 

Ora 216 è per la Kabbalah il numero delle lettere che compongono il nome completo di Dio.

 

Nella sez.15 abbiamo anche rilevato che il nome di Dio nella sua estensione massima vale 10368.

 

Ora 10368 : 216 = 48.

 

Questa equazione rivela molte cose.

 

Il numero 216 ricavato dal prodotto dei numeri della Bestia, contiene anche il nome di Dio.

 

Per chi è addentro alla Fisica Nucleare e Teorica sa benissimo che la sequenza dei "Numeri Magici Nucleari" responsabili della stabilità della materia sono:

 

2    8    20    50    82    126

 

La loro somma:

 

2  +  8  +  20  +  50  +  82  +  126   =    288    !!

 

Ed ecco che per via Teorica e Sperimentale abbiamo riconfermata l'Immanenza del famoso 25920.

 

Il 12 nel suo aspetto tridimensionale vale 12 x 12 x 12 e quindi = 1728.

 

Quindi, nel contesto galattico, "25920 : 1728 = 15" intercetta  la 15ª LAMINA dei TAROCCHI, il DIAVOLO, mostrando e dimostrando che la TERRA cade sotto l'egida dei PRINCIPATI.

 

Connessione strabiliante. Ma ancora più eclatante è il nesso con il 666° numero primo.

 

Il 666° numero primo vale 4973.

 

Ora

 

4 x 9 x 7 x 3 = 756

4 + 9 + 7 + 3 = 23

 

Ecco che il 23 legato alla massoneria deviata "marchia col Fuoco" il suo legame occulto con il 666.

 

E il 756 ?

 

Nella Sez.6, il Modulo Divino per n = 6 genera il valore:  

 

34,285714285714......legato all'imperfezione.

 

Se 25920 lo dividiamo per 756 emerge la meravigliosa corrispondenza che lega tutto al tutto:

 

25920 : 756 = 34,285714285714.....

 

In questo Universo, così come in qualunque altro, DIO e DIAVOLO sono LEGATI da queste precise relazioni indispensabili per la crescita e l'evoluzione dell'essere decaduto (?).

 

La DOPPIA VISIONE di cui sopra è una costruzione gestaltica che rimanda, al di là delle proprie inclinazioni personali, alla visione o di una orrida vecchia o di una spumeggiante giovane ed elegante donna.

 

Il fatto è che gli occhi incessantemente andranno dall'una all'altra delle due simbiotiche raffigurazioni senza prediligere alla fine, ma solo per i puri di cuore e di sistema nervoso, nessuna delle due.

 

A cosa serve ciò? A capire, sentire e sperimentare  che DIO (il Grigio) VIVE oltre questa duale univisione.

 

( E' necessario fare una precisazione e cioè che la definizione di Grigio non ha niente a che fare con le entità energetiche chiamate "I Grigi", alias i "Voladores" di Castaneda, che sono malefiche. Qui Grigio vuol dire che la Consapevolezza ha incorporato il 100% del relativo (illusione-bianco-creazione) e il 100% dell'assoluto (realtà-nero-potenzialità) formando una commistione energetica del 200%. La loro unione provoca l'emissione di luce divina a cui tutte le altre "soccombono".)

 

In tal caso l'emissione consiste in unipoli magnetici detti Idrogenioni (protone con spazio fluido rotante privo di elettroni planetari) ma di particolare fattura in quanto incorporano la peculiarità di assumere rotazioni plasmatiche differenti a seconda delle frequenze da indurre e mantenere negli altri idrogenioni costituenti le diversificazioni materiali. Le differenziate velocità di rotazione muovono dagli impulsi della Mente del Testimone che porta la sua frequenza da 0.0072992700 Hz a 0.1 Hz (OM) creando biofotoni o idrogenioni a impulso variabile (atomo magnetico di IGHINA) artefici di ogni creazione e anche del suo mantenimento nel tempo. Si rende immediatamente palese che l'utilizzo di simili tecnologie permetterebbero ad esempio di azzerare istantaneamente qualsiasi realtà radioattiva così come qualunque nefasta vibrazione.

 

Quindi il non fluttuare tra entrambe le visioni prediligendo una visione piuttosto che l'altra, genera in ogni caso una fissità malefica (biofotonica) che congela ogni anelito di riscatto e libertà bloccando il flusso energetico.

 

Ciò si verifica, sempre, in tutti i  contesti afflitti da una dogmatica, scheletrica e parziale visione del Tutto.

 

Non viene forse inculcato, canonicamente, che le peculiarità di DIO sono l'ONNIPERVADENZA, l'ONNIPRESENZA, l'ONNISCIENZA ?

 

E allora, se queste sono le SUE caratteristiche, DIO non può non ESSERE anche DIAVOLO, anche se solo nel suo aspetto duale e, comunque, ingannevole.

 

E quindi spontanea sorge la domanda:

 

Perché DIO è GIOIA per alcuni e DOLORE per altri se la vita, a detta dei più, è una sola?

 

E la VITA è solamente UNA? In base a che cosa si computano MERITI e DEMERITI? E in che ciclo temporale ESSI sono maturati?

 

E queste sono solo una parte infinitesimale delle domande a cui bisogna dar risposta.

 

La Matematica Binaria può farlo e senza possibilità di appello.

 

DIO è EQUANIMITA' non INIQUITA'.

 

Le modalità operative, insite in questa dualità e contrapposizione apparente, le scandaglieremo per bene alla luce della binarietà man mano che ci addentreremo nelle profondità di 0 e 1.

 

Parte della risposta a tutto ciò sta in questo 34,285714285714... ad libitum.

 

Cosa significa 34 ? Cosa nasconde la sequenza 285714 che, per quanto già visto in precedenza, ripetendosi all'infinito tende ad 1 ?

 

Ci torneremo a breve...nella Sez.20